Honduras: detenuto prova a evadere dal carcere travestito da donna

Honduras: detenuto prova a evadere dal carcere travestito da donna
In carcere dal 2015 con l’accusa di omicidi e reati da arma da fuoco, Francisco Herrera Argueta, 55 anni, ha tentato mercoledì scorso di fuggire dalla prigione di massima sicurezza di San Pedro Sula, in Honduras, travestendosi da donna. Una “divertente passeggiata“, come dichiarato dai funzionari della prigione, che purtroppo per Argueta non è finita come sperava.

Tenta di fuggire travestito da donna

Ha tentato di fingere di essere una visitatrice della prigione, Jacinta Elvira Araujo, che aveva lasciato la sua carta d’identità presso le guardie della prigione domenica scorsa. Un piano progettato fin nei minimi dettagli, tanto che Francisco Herrera Argueta poteva quasi sembrare davvero una donna, con tanto di gonna lunga, tacchi, smalto rosa sulle unghie, seni rovinati e una parrucca bionda ad incorniciargli il viso. Malgrado i suoi sforzi di assomigliare ad una donna, una volta giunto il suo turno di ritirare la carta d’identità e cercare di fuggire assieme alle famiglie degli altri detenuti dopo l’orario di visita, Argueta ha però dimenticato di parlare come una donna, facendosi in questo modo scoprire e tornando nuovamente in carcere.

Argueta smascherato per colpa della sua voce

Il portavoce della Polizia, Bayron Sauceda, ha dichiarato che i funzionari avevano già notato la “divertente passeggiata della donna“, mentre Argueta si sforzava di camminare sui tacchi alti, riuscendo a passare attraverso vari filtri di sicurezza. Giunto alla porta della prigione, però, la guardia gli ha chiesto il numero della sua carta d’identità e “la visitatrice parlava con una voce rauca e maschile“. A quel punto la guardia ha chiesto alla donna di togliersi gli occhiali scuri in modo tale da verificare la sua identità e “il trucco non ha potuto nascondere il fatto che fosse un uomo“, ha dichiarato il portavoce.

Leader della banda, conosciuto come Don Chico, ora Argueta sarà ovviamente punito per il suo tentativo di fuga e potrebbe essere trasferito nel famigerato carcere di El Pozo, a Santa Barbara, nota come la prigione più pericolosa di Honduras.