Stevia: origine e uso del dolcificante

Stevia: origine e uso del dolcificante

La stevia è un dolcificante naturale che, ultimamente, si trova anche nelle bevande gassate e non. Quali sono le caratteristiche della stevia e perché è così utilizzata?



Questa pianta originaria del Brasile e del Paraguay ha una particolarità: non dà calorie, anche se dolcifica. Quindi, per le bevande, si sostituisce tranquillamente allo zucchero.


Quali sono le origini, i benefici e le controindicazioni di questa pianta? Si può comprare? Ecco tutte le informazioni in merito.


La Stevia ha una funzione ipoglicemica, antifungina, antibatterica ed ipotensiva; per secoli è stata utilizzata per apportare energia, per regolare il livello del glucosio nel sangue, per ridurre il desiderio di dolci, per attenuare l’appetito, per migliorare la digestione, per distendere ed ammorbidire la pelle anche con maschere facciali, per prevenire infezioni gengivali e carie dentarie. Diminuisce inoltre i rischi cardiovascolari (arteriosclerosi), aumenta le difese antiossidanti e protegge la parete vascolare e venosa, regolarizzando la pressione arteriosa.

Origine della stevia


L’origine della stevia è la stevia rebaudiana. Si tratta di una pianta che si sviluppa in clima tropicale. Per questo, si trova soprattutto in Brasile e in Paraguay. La pianta ha diverse proprietà, che vanno bel oltre il semplice “addolcire” le bevande. Ecco quali sono.


Stevia dolcificante: proprietà e benefici


Addolcendo senza calorie, la pianta è l’ideale per chi soffre di glicemia e diabete. In questo modo, si possono tenere sotto controllo i livelli di zucchero nel sangue, ma c’è di più.


Anche chi soffre di pressione bassa e perde molti sali minerali trova nella stevia il rimedio naturale per eccellenza. L’estratto della pianta contiene ferro, manganese, vitamine e altri oligoelementi indispensabili per il benessere dell’organismo.


C’è chi suppone che ci siano rischi di cancro legati all’uso di questa sostanza. In realtà, ricerche sulle popolazioni indigene che utilizzano la pianta da sempre hanno dimostrato che non ci sono rischi per la salute.


Naturalmente, ci sono delle controindicazioni da valutare. Ecco quali sono.


Controindicazioni


L’Unione Europea ha stabilito dei criteri per evitare l’eccesso di stevia. Finché si resta intorno ai 4 mg al giorno, il dolcificante non dà problemi e può essere usato anche in gravidanza.


L’estratto della pianta si può usare anche per chi è sovrappeso e si trova nella condizione di dover dimagrire seguendo i consigli di uno specialista. Quindi, al momento non ci sono controindicazioni.

Segui i nostri consigli su Salute e Benessere. Metti un Like