Sindaco Si DIMETTE Per PROTESTA.. “TROPPI PROFUGHI, NOI SIAMO INASCOLTATI E IMPOTENTI!”

loading…

Sindaco Si DIMETTE Per PROTESTA.. “TROPPI PROFUGHI, NOI SIAMO INASCOLTATI E IMPOTENTI!”

Il sindaco di Bicinicco (Udine), Giovanni Battista Bossi, si è dimesso a seguito di contrasti insorti sull’accoglienza dei migranti nel paese. Nei giorni scorsi, il sindaco ha ricevuto dalla sezione di Palmanova (Udine) della Croce Rossa Italiana, la richiesta di esprimere un parere sul trasferimento di 14 profughi da una frazione del paese, Felettis, a un’altra frazione dello stesso comune, Griis.

“Non legittimo scelte assunte da altri”, ha scritto il sindaco nella lettera con la quale annuncia le sue dimissioni. “Nessuno un anno fa – spiega Bossi – chiese al primo cittadino di esprimersi circa l’arrivo dei profughi. Ora ci aggiungiamo la beffa: viene chiesto un parere al Sindaco, per dare una parvenza di legittimità popolare a scelte assunte da chi, fino a prova contraria, non rappresenta la Comunità di Bicinicco”.

Troppi profughi e lacomunità del paese non è stata ascoltata, così il sindaco di Bicinicco, Giovanni Battista Bossi, ha rassegnato le sue dimissioni in una lettera ufficiale inviata ai consiglieri comunali, al segretario comunale e al prefetto di Udine.

Bicinicco è un piccolo paese della Bassa Friulana con poco più di 1800 abitanti.

Le firme contro l’accoglienza

«Abbiamo ricevuto comunicazione della Croce Rossa di Palmanova che ci comunica il trasferimento dei 14 profughi già ospiti nella frazione di Felettis in un’altra frazione del comune, Griis – scrive Bossi -. La Cri fa formale richiesta al sindaco di esprimere il proprio parere circa questo trasferimento, nonostante nella lettera sia chiaramente già riportato che il progetto è stato inoltrato alla Prefettura. L’anno scorso la nostra comunità ha raccolto 810 firme, più del 50% degli aventi diritto al voto, per l’accoglienza zero. Chiedere al sindaco il suo parere significa scaricare sulle spalle del primo cittadino la responsabilità che dovrebbe assumersi invece chi ha dato avvio a questa triste vicenda».

«Nessuno, lo scorso anno, ha chiesto il mio parere – precisa Bossi -, e già allora mi sembrò una grande ingiustizia. Oggi ci aggiungiamo la beffa: viene chiesto il parere al sindaco, per dare una parvenza di legittimità popolare a scelte assunte da chi, fino a prova contraria, non rappresenta la comunità di Bicinicco. Non mi presto, pertanto, a dividere la mia comunità perché faccia la fine dei capponi di Renzo di manzoniana memoria, divisi tra loro e intenti ad arrecarsi l’un l’altro offesa, non curanti della mano che li costringe».

«Bicinicco ha dato accoglienza ai profughi per 15 mesi – insiste Bossi -; altrettanto non può dirsi per la maggior parte dei Comuni della Regione. Ciononostante si torna a chiedere un ulteriore contributo alla comunità. Penso che la nostra popolazione abbia fatto la sua parte abbondantemente. Con grande imbarazzo constato, poi, che per 15 mesi è stata data accoglienza a 14 richiedenti asilo politico in deroga a quanto stabilito dagli accordi tra Ministero dell’Interno e Anci, e in strutture prive di agibilità e di conformità degli impianti, senza considerare il fatto che a oggi non risultano versate le imposte comunali da parte della proprietà».

«Ho cercato invano, con comunicazioni ufficiali e protocollate, di comprendere direttamente dal prefetto di Udine le ragioni per le quali non si potesse fare nulla in presenza di comportamenti che, se posti in essere da privati cittadini, sarebbero stati forieri di legittime contestazioni e sanzioni. Come sindaco e al tempo stesso ufficiale del Governo Italiano – chiude Bossi -, non comprendo come sia possibile tacere davanti a tutto questo e non ricevere risposta dalle istituzioni superiori. Non sono più disposto ad accettare l’imbarazzo che provo nel rimanere inerme e muto alle richieste di chiarimento dei miei cittadini rispetto a queste disparità. Ringrazio tutta la maggioranza, gli assessori, e i dipendenti del Comune che mi sono stati a fianco. Rassegno le mie dimissioni nel consiglio convocato il 12 settembre​».

Fonte clicca QUI

loading…

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *